Gen 25

Facebook aggiorna l’algoritmo: più spazio a post di amici e parenti

Le novità in casa Facebook non tardano ad arrivare. L’ultima in data di tempo è quella del 12 gennaio, annunciata dallo stesso Zuckerberg nel suo profilo Facebook, che ha gettato nello sconforto migliaia di utenti.

Innanzitutto partiamo dal presupposto che Facebook è il SOCIAL NETWORK, la piattaforma per eccellenza che solo nel 2017 ha superato i 2 milioni di iscritti. Numeri da capogiro, che ci fanno capire come ormai Facebook è diventato parte integrante della nostra vita quotidiana. Quindi dopo questa breve premessa cerchiamo di capire cos’è questa novità che riguarda un nuovo algoritmo di Facebook.

Zuckerberg vuole rendere l’esperienza degli utenti nel social network molto più ricca e significativa. Infatti questo nuovo algoritmo renderà più visibili le interazioni significative, di conseguenza saranno meno visibili le pagine aziendali, i brand e la brutta pubblicità. In sostanza le parole di Zuckerberg a riguardo sono state:

“Con questo aggiornamento, vogliamo dare priorità ai post che accendono conversazioni e interazioni significative fra le persone. Per farlo, cercheremo di prevedere con quali post vorrai interagire con i tuoi amici, e cercheremo di mostrarteli più in alto nel feed”.

Quindi priorità ai post di amici e parenti, mentre le testate giornalistiche, le pagine e i brand potrebbero rischiare di essere penalizzate. Ma le parole del fondatore di Facebook non finiscono qui, infatti un altro pezzo molto interessante a mio avviso è proprio questo che parla direttamente delle pagine:

“Le pagine che pubblicano contenuti con i quali le persone generalmente non interagiscono o che non commentano potrebbero assistere alla maggior diminuzione della distribuzione. Le pagine che favoriscono conversazioni fra amici invece vedranno meno effetti”.

Quindi scorrendo sulle varie bacheche sarà facile imbattersi in post pubblicati da amici o parenti, mentre i post di “Business, brand e media”, avranno maggiore visibilità proprio quando saranno molto condivisi dagli utenti o quando ci sarà un’ottima interazione.

Naturalmente l’impatto cambierà da pagina a pagina, a seconda del tipo di contenuti prodotti e di come il pubblico interagirà con loro. La decisione è arrivata dopo una serie di attente ricerche e studi compiuti dal team del social, che nell’ultimo anno ha lavorato per trovare una strategia che garantisca una maggiore connessione tra le persone. Questo perché lo scopo di Facebook è da sempre stato quello di mettere le persone in contatto tra di loro.

Questo algoritmo, che già sta creando scompiglio, influenzerà direttamente il numero dei follower delle pagine aziendali, che riceveranno nei loro news feed i post della Pagina e quindi costituiranno la “portata organica” della Pagina. La caccia alle interazioni è appena iniziata.

Con questo algoritmo non basta più avere nella propria pagina un numero spropositato di follower, se i post che ci sono all’interno non producono interazione, ossia commenti, like, reazioni di vario genere, non serve a niente perché sarai penalizzato dal nuovo algoritmo. Quindi concentriamoci e mettiamoci al lavoro per creare contenuti in grado di generare interazione. Magari ci vorrà del tempo, dobbiamo ancora prendere le misure, ma il nuovo algoritmo non lascia scampo.

Basta con i contenuti scopiazzati e di bassa qualità, né va dell’esistenza della tua pagina aziendale!

Ti è piaciuto? Condividilo sui Social

Hai trovato utile questo articolo?

[Voti: 4    Media Voto: 5/5]

Manca poco!

Inserisci il tuo nome e la tua migliore email per ricevere il MANUALE GRATUITO nella tua casella di posta elettronica.

×