Come è diventato il logo di Google il marchio per eccellenza!

Come è diventato il logo di Google il marchio per eccellenza!

Vi siete mai chiesti come è nato il marchio più famoso al mondo?

Ebbene, oggi vogliamo parlare del logo che ormai è entrato a fare parte della nostra vita quotidiana. Stiamo parlando di Google, il motore di ricerca più usato nel mondo!

È l’immagine che vediamo più spesso quando accendiamo i nostri dispositivi tecnologici ed è anche la più semplice da memorizzare e riconoscere.

Google ha avuto diversi loghi dalla sua nascita, dal 1998, anno della registrazione del marchio.

Il primo logo è stato disegnato da Sergey Brin e fu modificato in seguito dalla designer Ruth Kedar. Il logo Google è il logo usato dal motore di ricerca Google.

Per festeggiare degli avvenimenti speciali, Google cambia il logo normale con uno attinente all’evento; il logo diventa un doodle, a volte animato. Ma questo è un argomento che merita un approfondimento a parte, magari ne parleremo in un altro articolo.

Per il momento ci concentriamo esclusivamente sul logo Google per cercare di capire come una semplice “scritta” sia riuscita a diventare molto più famosa di un logo con elementi grafici.

Partiamo con ordine; inizialmente furono otto le versioni che Ruth Kedar applicò al logo prima di arrivare finalmente alla versione definitiva.

Fin da subito le condizioni di base che l’icona di Google doveva soddisfare erano due, e cioè la leggibilità e la giocosità.

Il primo logo era molto lontano dalla versione definitiva di Ruth Kedar. Dal quarto tentativo in poi finalmente i colori iniziano ad avere un ruolo importante sulle lettere. Le due “O” prima si intersecano, poi prendono le sembianze di una lente di ingrandimento, quasi a suggerire la funzione che avrà il motore di ricerca. Nelle ultime versioni la scritta appare più arrotondata e si gioca ancora con la lettera “O” che appare disallineata rispetto al resto della scritta.

Come è diventato il logo di Google il marchio per eccellenza!

Come è diventato il logo di Google il marchio per eccellenza!

Il logo che conosciamo oggi è una semplice scritta in stampatello minuscolo creata con il font “Serif Catull”.

Ma se parliamo del logo di Google non possiamo non parlate dei suoi colori che da anni lo contraddistinguono. Sono tutti colori primari, blu, giallo e rosso eccezion fatta per l’uso del verde, questi colori sono utilizzati per comporre la scritta Google, che oggi si presenta piatta e bidimensionale. Infatti l’aggiunta del verde che colora la “L” serve a lanciare il messaggio sul carattere a volte irriverente e fuori degli schemi dell’azienda.

La scritta dice tutto. Non ha bisogno di fronzoli o abbellimenti e poi i colori fanno il resto, dando un senso di forza e giocosità.

Inoltre è subito riconoscibile, colpisce per la sua estrema semplicità, rimanendo impresso nella mente dell’utente.

Questo è stato fin dall’inizio il punto principale su cui i fondatori di Google hanno voluto insistere e forse quello più importante, la riconoscibilità del logo!

Con gli anni Google diventa parte integrante della nostra vita, ogni ricerca, ogni dubbio, ogni semplice curiosità la possiamo trovare nel magico motore di ricerca, basta googlare la parola che vogliamo e il gioco è fatto.

Google ci fornirà tutte le informazioni che cerchiamo, in modo semplice e veloce. Oggi nessuno di noi potrebbe fare a meno di Google, questo perché non è solo un “motore di ricerca” ma con il tempo è riuscito a diventare un’estensione del nostro sapere, una biblioteca digitale molto evoluta.

Per non parlare di tutte le funzioni aggiuntive che ci fornisce Google, ci viene subito in mente Google Maps, che ci aiuta ogni giorno a non perdere la “strada” o ha trovare quella giusta!

Ad oggi Google è il motore di ricerca più utilizzato nel mondo, ma sarà così anche per il futuro? Chissà, solo il tempo potrà rispondere a questa domanda, adesso una sola cosa è certa, ad oggi tutti noi siamo Google dipendenti.

Ti è piaciuto? Condividilo sui Social

Hai trovato utile questo articolo?

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]

Condividilo sui Social:
Facebook
Facebook
Instagram
LinkedIn